Il sito contienete coookies tecnici e cookies terze parti per statistiche delle visite al sito. Leggere l'informativa ed accettare per visitare il sito. Non sono contenuti cookies di profilazioni.


foto1
foto1
foto1
foto1
foto1
Nocera Terinese (CZ)
info@gilsof.it

Muro di contenimento parcheggio (1996)

Località: Nocera Terinese

Opera: Realizzazione di un parcheggio situato in una piccola valle ai piedi "morfologici" del paese. Zona ad alto rischio di stabilità. L'opera imponeva un'attenta analisi della stabilità di pendio. Al fine di evitare dissesti nelle abitazioni limitrofe. I sondaggi geognostici rilevarono un piano di posa del terrapieno "soffice" poco consolidato per cui la scelta doveva cadere su una struttura ad alta flessibilità e buon comportamento a cedimenti differenziati



Metodo costruttivo: Per evitare possibili cedimenti laterali e per la verifica a scorrimento delle terre armate è stata realizzato una paratia in c.a. per consolidare il pendio, anche sotto l'azione dei nuovi carichi che avrebbero sicuramente prodotto una spinta laterale. Inoltre, situazione anche di attenzione mostravano le due spalle da ponte che sostengono la strada a ridosso dell'opera.
La struttura in elevazione è stata realizzata in terre armate con l'impiego di geogriglie e gabbioni tipo "Maccaferri" struttura altamente flessibile per l'ordine dei cedimenti previsti.



Codice di calcolo: Software propri, calcolo dei pali con metodo agli elementi finiti soluzione di trave elastica su suolo elastico. Muro di sostegno a gravità verifica geogriglie.


Realizzazione pali di fondazione:

Realizzazione trave di collegamento funzione di dente opera in terra armata:

 

Preparazione letto di posa (geotessuto e geogriglia):

Rilevato in prospetto:

 

Codiderazione e comportamento nel tempo: Come previsto i cedimenti hanno carattarizzato l'opera, la quale dato il suo comportamento di adattamento ha sopportato senza alcun elemento compromettente cedimenti dell'ordine di 50 cm. Oggi non presenta la minima anomalia e assolve pienamente alle richieste di progetto. Inoltre la piantumazione dell'edera ha nascosto completamente il muro restando un esempio di mitigazione di impatto ambientale.